Pagellone SASSUOLO 2-1 SAMPDORIA

 
Gabriele Rastaldo
Seguimi su:

Gabriele Rastaldo

Fondatore della pagina Facebook Il Mugugno Genovese
Autore e Fondatore del sito www.ilmugugnogenovese.it
Gabriele Rastaldo
Seguimi su:

SASSUOLO 2-1 SAMPDORIA

MARCATORI: 28’pt Schick; 4’st Ragusa, 12’st Acerbi.
SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Lirola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Pellegrini (31’st Duncan), Aquilani, Missiroli; Politano (41’st Adjapong), Matri (28’st Iemmello), Ragusa. ALL. Di Francesco
SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano; Bereszynski, Silvestre, Skriniar, Regini; Praet (1’st Linetty), Torreira, Barreto(24’st Djuricic); Bruno Fernandes (14’st Alvarez); Schick, Quagliarella . ALL. Giampaolo
ARBITRO: Pairetto di Nichelino
NOTE: Ammoniti: Bereszynski, Pellegrini, Peluso, Linetty, Politano

 

COMMENTO come sempre affidato al nostro Andrea P.: siamo tornati ad assistere al formato Samp da trasferta a cui eravamo tristemente abituati: squadra scialba, senza idee, che non tira mai in porta. Inutile dire che se non fosse stato per il rocambolesco gol del momentaneo vantaggio il Doria non avrebbe segnato nemmeno giocando fino a domani mattina. Di chi è la colpa ? I ragazzi nonostante scendano in campo senza obiettivi non mi sembra che si siano risparmiati o abbiano tirato indietro la gamba, su tutti l’esempio positivo di Praet. Normale quindi girare i riflettori su Gianpaolo che a mio modo di vedere non può pretendere di giocare le partite tutte allo stesso modo ma deve capire che ci sono avversari e situazioni che richiedono inevitabili cambi di modulo e/o tattici. Perseverare a giocare solo per vie centrali non sempre si rivela essere la soluzione vincente. Inoltre il gol di Acerbi è la fotocopia del gol subito una settimana fa da Gonzalez della Fiorentina e non si può continuare ad incassare gol da calcio d’angolo a causa di una difesa a zona che consente ai difensori avversari di inserirsi e di trovare spesso l’impatto vincente con il pallone.

PAGELLE:

VIVIANO 6 : nulla può sui gol. Per il resto giornata di normale amministrazione.
SKRINIAR 6.5: si conferma anche nella sconfitta una garanzia, peccato per il clamoroso gol da lui sbagliato che poteva fruttare il pareggio.
SILVESTRE 6: propizia il gol del momentaneo vantaggio blucerchiato anche se purtroppo una parte di responsabilità per la seconda rete subita potrebbe essere anche sua.
BERESZYNSKY 5: parte bene pur perdendo come al solito qualche pallone di troppo in fase di disimpegno. Si fa però sorprendere sul primo gol del Sassuolo e purtroppo anche sul secondo non pare irresistibile.
REGINI 6.5: forse una delle sue migliori partite: nel primo tempo chiude bene tutti gli spazi anche se questa volta non deve di certo vedersela contro clienti particolarmente dotati. Nella ripresa si fa vedere anche talvolta in fase offensiva offrendo qualche buon traversone.
PRAET 6: decisamente sfortunato per la botta in testa ricevuta ma nonostante il sangue che continuava a scendere copioso dalla sua testa ha fatto di tutto per resistere fino all’intervallo facendo intravedere finalmente anche buone cose. Peccato perché stavolta pareva davvero in giornata.
LINETTY 5: subentra al sanguinante Praet in una situazione di vantaggio. Il problema è che dopo poco la Samp si trova a dover rincorrere e lui forse avrebbe preferito fare una partita di copertura.
BARRETO 6: non è certo dai suoi piedi che ci si attendono palloni ed idee per recuperare. Nel primo tempo offre a Quagliarella un pallone squisito . Per il resto offre la sua solita prestazione tutta corsa e coraggio.
TORREIRA 5.5: sottotono rispetto al suo standard, soprattutto nella ripresa pare un po’ appannato nel cercare vie alternative per sfondare la difesa degli emiliani. Non si risparmia fino al 90esimo senza però ottenere i risultati che siamo abituati a vedere.
RICKY ALVAREZ 5: l’ennesima “non-prestazione”. Stavolta niente gol fortunato e puntuale come le tasse ecco piombare sulla sua testa la solita scontata insufficienza. Non serve a nulla.
BRUNO FERNANDES 4: ci risiamo. Alcune partite sembra migliorare salvo poi come stavolta sparire totalmente dal campo e sempre fuori dal vivo dell’azione. Il sistema di gioco adottato dall’allenatore sicuramente non lo aiuta e non lo esalta, lui però è chiamato a dare e fare qualcosa di più.
QUAGLIARELLA 6: ha la colpa di sbagliare nel primo tempo il possibile gol del 2 a 0 che avrebbe forse chiuso la partita. Gioca in ogni caso la sua dignitosa partita senza mai risparmiarsi.
SCHIK 6.5: quando succede che fai gol anche senza volerlo allora significa che sei veramente un predestinato. Peraltro dopo pochi minuti rischia di realizzare un gol da cineteca con un pallonetto delizioso che termina purtroppo di pochi centimetri a lato. Nel secondo tempo si vede di meno ma c’è da dire che i compagni non gli fanno pervenire mai nessun pallone giocabile.
GIANPAOLO 4: il voto è più per le dichiarazioni fatte post-partita che per la prestazione comunque insufficiente offerta dalla squadra. Dire che il Sassuolo è una grande squadra guardando la classifica che ha e considerando le assenze importanti che aveva ( 2 su tutti Berardi e Defrel ), è davvero inaccettabile. Ricordiamo che il Sassuolo non vinceva da metà febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*