I Giorni della Merla!

 
Gabriele Rastaldo
Seguimi su:

Gabriele Rastaldo

Fondatore della pagina Facebook Il Mugugno Genovese
Autore e Fondatore del sito www.ilmugugnogenovese.it
Gabriele Rastaldo
Seguimi su:

Latest posts by Gabriele Rastaldo (see all)

I giorni della Merla! Magari qualcuno li avrà già sentiti, per altri invece non son cosa nuova. Per molti, specialmente i ciù zueni, saranno una novità!
Zenâ è un mese pieno di usanze e tradizioni, una delle quali, molto zeneise, te la linko in fondo all’articolo!

I giorni della Merla, ovvero 29/30/31 Gennaio (ma secondo alcuni 30/31 Gennaio e 1 Febbraio) sono i “giorni più freddi dell’anno”. Guardando fuori dalla finestra, anche nei giorni precedenti, non posso che dar ragione a questa tradizione visto che belin se giassa!

Ci sono diverse leggende sull’origine del nome, la più “simpatica” è sicuramente quella che nasce in tempi molto lontani. Il primo mese dell’anno aveva solo 28 giorni, anziché 31. Si narra che Gennaio fosse particolarmente invidioso di una Merla, ammirata da tutti per il suo grande becco giallo e le penne bianche. Gennaio si divertiva a tormentarla; ogni volta che la Merla usciva in cerca di cibo, egli scatenava bufere di neve incessanti. Stufa di tutto questo, un giorno, la Merla andò da Gennaio e gli domandò:” Amico mio potresti durare un po’ di meno?”.  E di tutta risposta: ” Proprio non posso. Il calendario è quello che è, e a me sono toccati 28 giorni.”

La Merla rinunciò al dialogo e l’anno seguente fece una bella scorta di cibo che infilò nel suo nido così da rimanere, per tutti i 28 giorni, al riparo senza bisogno di uscire. Finito il periodo dei gelidi giorni, la Merla uscì e cominciò a prendere in giro Gennaio: “Caro mio, quest’anno sono stata sempre al calduccio! Non hai potuto farmi congelare il becco nemmeno un giorno.” Detto ciò Gennaio s’infuriò a tal punto che andò dal fratello Febbraio, che vantava ben 31 giorni, e gli chiese di cedergli 3 giorni.
Il fratello dubbioso: ” Cosa vuoi farne? ” e Gennaio: “Ho da vendicarmi di una Merla impertinente!”.  Così Gennaio tornò l’anno seguente e scatenò una tremenda bufera di neve che durò per tutti i 3 giorni.  Per il forte vento, la Merla, non riuscì a tornare al suo nido trovando rifugio e calore in un camino. Passati i 3 giorni di ghiaccio, uscì dal suo riparo sana e salva, ma le sue bianche penne erano diventate tutte nere per il fumo e della fuliggine. Da allora Gennaio ha sempre 31 giorni e i merli hanno sempre le piume nere.

Concludendo: Sempre secondo la leggenda, se i giorni della merla sono freddi, la primavera sarà mite; se invece sono caldi, la primavera arriverà in ritardo.

Se sei arrivato fino a questo punto della lettura, ti consiglio di leggere una Tradizione Ligure, sempre riguardante Gennaio, che ti lascio qui: LE CALENDE
Se vedemmo zueni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*